Progetti

La Staffetta del Cuore 2017 … Napoli-Firenze

Proseguendo idealmente il percorso intrapreso con il Coast To Coast 2016, dal 21 al 24 settembre 2017 abbiamo realizzato “La Staffetta del Cuore 2017 … Napoli – Firenze”, una staffetta che ha coperto circa 600 km attraversando territori di straordinaria bellezza, con alternanza fra i podisti di Weloveinsulina Team e i ciclisti delle tre seguenti associazioni partner:

– “In giro col diabete”, associazione di promozione sociale pugliese che gira l’Italia in bici con un progetto di informazione per raggiungere le piazze, le scuole, incontrare gente, specie gli abitanti dei paesini più sperduti dove l’accesso all’informazione e all’assistenza medica è più difficoltoso e dove le credenze popolari sono più radicate;

– “Ancora in viaggio – Diabetes no limits e povertà no limits”, organizzazione di volontariato di Quiesa (LU) nata per continuare l’opera di Mauro Talini, ciclista affetto da diabete di tipo 1 prematuramente scomparso nel 2013 alle soglie del suo quarantesimo compleanno in un tragico incidente stradale in Messico mentre in sella alla sua bicicletta stava realizzando una delle sue tante imprese in giro per il mondo, fra le quali si annoverano pellegrinaggi ai più famosi santuari, quali Fatima, Assisi, Santiago di Compostela, e grandi traversate dell’America Latina;

– “ASD UV Tivoli Gentlemen Caffé Portioli”, associazione ciclistica laziale di cui fanno parte atleti già impegnatisi in passato anche in progetti attinenti al diabete, per citarne uno quello del settembre 2016 durante il quale hanno pedalato 8 giorni per mezza Italia, accolti dalle associazioni dei territori attraversati, allo scopo di sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sulla prevenzione e la cura del diabete, portando a compimento l’evento “Il diabete non è una gara”, partito da Tivoli e concluso a Treviso, facendo tappa anche presso l’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze e a Quiesa accolti calorosamente dalla famiglia di Mauro Talini.

Abbiamo voluto fare fra la gente, e attraverso lo sport, un’opera di informazione sul diabete di tipo 1. La diagnosi tempestiva del diabete di tipo 1 è fondamentale perché evita al bambino possibili complicanze legate alla gravità del quadro clinico cui inevitabilmente si arriva se non si riconoscono i primi caratteristici sintomi (fare tanta pipì, sete intensa, risvegli notturni per bere ed urinare, enuresi). Importante è anche la conoscenza del vivere quotidiano della persona con diabete e della sua famiglia una volta che è stata fatta la diagnosi, che rappresenta comunque un evento dirompente nella vita di queste persone in quanto coinvolge aspetti in ambito medico in senso stretto, di tipo psicologico e anche di tipo sociologico, specie se la collettività ne ignora caratteristiche ed esigenze delle persone colpite.

La nostra corsa quindi non si è fermata dopo il Coast To Coast e siamo ripartiti ancora più ambiziosi che mai per continuare a portare il nostro messaggio informativo tra la gente, perché con il diabete di tipo 1 si può fare di tutto e di più, ma solo se la diagnosi all’esordio è tempestiva!

L’evento è iniziato giovedì 21 a Napoli, accolti calorosamente dall’associazione Diabete Junior Campania che ha organizzato al mattino un bellissimo incontro informativo con gli studenti del Liceo Mazzini del Vomero e del Liceo Vittorio Imbriani di Pomigliano D’Arco. Nel pomeriggio si è tenuta una tavola rotonda di presentazione dell’evento con la presenza di importanti medici ed esponenti istituzionali locali. La giornata è terminata con la rappresentazione teatrale “Il diabete allo specchio”, spettacolo ideato, scritto, musicato e diretto da Frank Bramato e messo in scena da Alessandro Santantonio e Marco Taurino.

La Staffetta è partita alle 3 di notte dal Lungomare Caracciolo, con i nostri podisti affiancati per tutto il territorio campano dagli atleti di tante meravigliose società podistiche locali. I ciclisti ci hanno poi dato il cambio per ritrovarci tutti insieme per gli ultimi 3 km di percorso, davvero impegnativi, che ci hanno portato in Piazza Garibaldi a Tivoli, accolti dalla cittadinanza con la collaborazione di ADIG Lazio e dell’associazione Le Porte Belle di Memmagghiura.

Siamo ripartiti alle 3 di venerdì notte in direzione Perugia, verso l’Azienda Ospedaliera Santa Maria della Misericordia, dove al nostro arrivo siamo stati accolti da tante persone con la collaborazione di AGD Umbria, insieme alla quale era stato organizzato il convegno “Il diabete di tipo 1: diagnosi precoce, cura efficace, conoscere per riconoscere”, con questo programma:

“La diagnosi precoce del diabete di tipo 1”

D.ssa Maria Giulia Berioli, Responsabile Servizio Diabetologia Pediatrica Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia

“La buona cura del diabete di tipo 1”

Prof. Geremia Bolli, Ordinario di Endocrinologia Università di Perugia, Direttore della Scuola di Specializzazione in Endocrinologia e malattie del metabolismo dell’Università di Perugia

“Da Napoli a Firenze: informare attraverso lo sport”

Iacopo Ortolani, Presidente associazione Weloveinsulina

Con gli interventi e la moderazione di:

-Prof.ssa Susanna Esposito, Ordinario di Pediatria e Direttrice della Scuola di Specialità in Pediatria dell’Università di Perugia, Direttrice della Clinica Pediatrica dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia

-Enrico Piano, Presidente AGD Umbria, Associazione per l’aiuto ai giovani con diabete dell’Umbria

-Massimo Cipolli, consigliere direttivo AGD Umbria, consigliere direttivo e past president AGD Italia

Siamo quindi ripartiti la domenica mattina alle 5 in direzione Firenze, dove la Staffetta si è conclusa alle ore 16 presso l’Ospedale Pediatrico Meyer, accompagnati da una pioggia torrenziale ed accolti da un fiume di persone con la collaborazione della Fondazione Meyer e dell’Associazione ATBGD.

Dopo un gradito ristoro si sono svolte nella Hall Serra le premiazioni degli atleti alla presenza di importanti esponenti istituzionali, quali il Presidente del Consiglio Regionale Toscana Dr. Eugenio Giani che ci ha conferito la prestigiosa onorificenza del Pegaso, il Presidente della Fondazione Meyer Prof. Gianpaolo Donzelli, il Direttore Generale della A.O.U. Meyer Dr. Alberto Zanobini, lo staff della Diabetologia Pediatrica del Meyer capitanato dal Dr. Lorenzo Lenzi, l’Ing. Giovanni Lamenza, Presidente di AGD Italia, coordinamento nazionale di associazioni di genitori di bambini con diabete di tipo 1 che ha concesso il patrocinio gratuito al nostro evento che si è affiancato a quello della Federazione Toscana Associazioni Diabetici e di Federdiabete Lazio.

L’evento, che abbiamo realizzato grazie anche al contributo non condizionato di Teva Italia Spa, ha avuto l’apprezzamento morale delle Regioni Campania, Lazio, Umbria, Toscana, del Consiglio Regionale della Toscana, dei Comuni di Sansepolcro (nostra sede), Napoli, Tivoli, Perugia, Firenze, nonché dell’Università degli Studi di Perugia e dell’Agenzia per il diritto allo studio universitario dell’Umbria.

Ringraziamo tutti i nostri podisti e gli amici ciclisti, e tutti quelli che, anche con un semplice messaggio, ci hanno sostenuto ed incoraggiato.

Un grazie speciale va alla Dottoressa Sonia Toni, Responsabile della Diabetologia Pediatrica del Meyer, che non ha potuto essere presente all’arrivo per motivi di salute ma che è stata con noi fin dall’ideazione dell’evento trasmettendoci quotidianamente tutto il suo entusiasmo e tutto il suo importante sostegno morale.

Mai più a nessuno!